Rieducazione posturale globale

LA R.P.G. è un lavoro sul prorpio corpo che rieduca, corregge e riequilibra gli scompensi oste-muscolari-articolari, causa di dolori ed impotenza funzionale.

terapista: Roberto Barbaro

Adatta a persone di tutte le età, consiste in posture di allungamento attivo di specifiche catene muscolari, progressive, che si sviluppano in piedi, da seduto o sdraiato. Le posture a disposizione sono diverse, scelte opportunamente per poter affrontare le molteplici condizioni della patologia e del paziente.
Restituire un equilibrato controllo delle tensioni reciproche muscolari e di ottenere, attraverso la ripetizione attiva e consapevole dell’esercizio, una nuova registrazione a livello centrale del comportamento posturale, affinchè tutte le correzioni possano venire integrate dai meccanismi automatici deputati al controllo della postura e della miglior gestualità.

Principali indicazioni terapeutiche:

Nelle sindromi dolorose della colonna con o senza irradiazione agli arti superiori e inferiori;

nelle anomalie strutturali (scoliosi, iperlordosi, ipercifosi,ginocchia vare o valghe, piedi piatti o cavi);

nelle disfunzioni dell’apparato muscolo-scheletrico e nei deficit respiratori (disordini funzionali del respiro, dolori locali costali);

nelle patologie sportive (pubalgia, psoite, meniscopatia, periartrite scapolo-omerale, epicondilite, epitrocleite ecc ) e nella prevenzione di contratture, stiramenti, strappi muscolari, tendiniti, etc;

con funzione preventiva poichè la migliore percezione del proprio corpo e  la conoscenza dell’ergonomia corporea permette di eseguire i movimenti dell’attività quotidiana con maggiore consapevolezza, evitando inutili traumi che nella loro ripetività rappresentano le maggiori cause di dolori.

Il numero delle sedute, varia a seconda dei casi, della patologia meccanica della persona, della capacità di apprendimento motorio del soggetto e della conseguente integrazione funzionale a livello del proprio schema corporeo.


Osteopatia

L’osteopatia (“osteon” -osso, e “pathia” -malattia,sofferenza) è rivolta al ripristino dello stato di equilibrio generale del corpo, delle sue funzioni e del suo benessere, attraverso specifiche tecniche di manipolazione. L’osteopatia si basa sul presupposto che il sistema nervoso vegetativo svolga costantemente una autonoma azione di controllo dell’omeostasi corporea a tutti i livelli e che tale attività sia manifesta somaticamente. Essa ricerca l’equilibrio funzionale globale, pertanto si ritiene che la salute vada ricercata in un’armoniosa integrazione di corpo e mente. Sono sette i più importanti principi dell’osteopatia, largamente accettati all’interno della comunità osteopatica: 1. Il corpo è una unità. 2. La struttura e la funzione sono reciprocamente inter-correlate. 3. Il corpo possiede dei meccanismi di autoregolazione e autoguarigione (omeostasi). 4. Quando la normale adattabilità è interrotta, o quando dei cambiamenti ambientali superano la capacità del corpo di ripararsi da sé, può risultarne la malattia. 5. Il movimento dei fluidi corporei è essenziale al mantenimento della salute. 6. Il sistema nervoso autonomo gioca una parte cruciale nel controllare i fluidi del corpo. 7. Ci sono componenti somatiche della malattia che sono non solo manifestazioni della malattia, ma anche fattori che contribuiscono al mantenimento dello stato di malattia. Questi principi non sono ritenuti dai medici osteopati leggi scientifiche, né contraddicono i principi medici; sono insegnati come fondamenti della filosofia osteopatica riguardo alla salute e alla malattia. terapista: Roberto Barbaro


Terapia manuale

 

La Medicina Manuale rientra nelle cosiddette “medicine alternative”, un vasto ed eterogeneo gruppo di pratiche diagnostiche e terapeutiche che generalmente non vengono considerate affatto dalla medicina ufficiale, basata sulla terapia farmacologica o chirurgica delle varie patologie.
Il caso della Medicina Manuale è tuttavia ben diverso, perché si tratta di una disciplina che, pur basandosi sulla terapia manipolativa già utilizzata prima in Osteopatia e poi in Chiropratica, si è sviluppata sotto un continuo controllo critico e in un contesto teorico accettabile anche dalla medicina tradizionale. Va detto che l’azione della manipolazione risulterà antalgica solo quando condotta secondo le regole di Maigne, che consistono nella ricerca della direzione libera dal dolore, in cui praticare prima la mobilizzazione di prova e poi la manipolazione mirata sul punto di irritazione segmentale.
Seguendo queste regole il terapeuta si garantisce sia dal rischio di una paradossale riacutizzazione del dolore (in caso di manipolazione nella direzione algogena, perché allora le afferenze dolorose sovrastano quelle tattili e propriocettive), che da rare ma gravi complicanze quali quelle descritte a livello cervicale Nel caso non sia presente una direzione libera, il trattamento va rinviato fino a quando altre terapie non consentiranno di ottenerne una.
Le indicazioni della Medicina Manuale sono le sindromi dolorose, localizzate alla colonna vertebrale e alle articolazioni degli arti, di natura benigna, cioè dovute a errata postura, artrosi sintomatica o esiti di traumi, patologie per le quali spesso non è soddisfacente il trattamento medico convenzionale e non è indicato il trattamento chirurgico.
Assolute controindicazioni sono le infiammazioni e i traumi in fase acuta, le infezioni, i tumori, l’instabilità articolare (particolarmente temibile quella atlo-epistrofea), la grave osteoporosi (che abbia determinato recenti crolli vertebrali), motivo per cui prima di eseguire il trattamento è sempre necessario eseguire accuratamente l’anamnesi e l’esame obiettivo, integrati quando opportuno con un esame radiografico. L’approccio manipolativo “dolce”, peculiare della Medicina Manuale, ne rende comunque possibile l’utilizzo in sicurezza anche in pazienti “fragili”.

terapisti: Roberto Barbaro


Riabilitazione ortopedica e neurologica

 

E’ finalizzata a recuperare le capacità funzionali residue in seguito a traumi, malattie, interventi chirurgici sia ortopedici che neurologici.

terapisti: Roberto Barbaro


Tecar

La tecar o Diatermia è una forma di terapia fisica-strumentale che riattiva i normali processi fisiologici del metabolismo tissutale, trasferendo energia biocompatibile senza proiezione di energia radiante dall’esterno. Tale meccanismo appare sicuramente innovativo e rivoluzionario, poiché per la prima volta è stato applicato al campo biologico il principio fisico del condensatore, ottenendo una tecnologia che trasferisce energia biocompatibile e permette di sollecitare i tessuti agendo dall’interno, perciò senza inutili dissipazioni di energia.

Meccanismo d’azione del trattamento con diatermia

L’efficacia del trattamento con diatermia nasce dalla integrazione di due fattori fondamentali: la tecnica manuale dell’operatore e la tecnologia che la valorizza. La manualità diventa più profonda e fortemente stimolante grazie alla intensa riattivazione provocata nel distretto microcircolatorio linfatico e sanguigno. L’uso dell’apparecchio Diatermia garantisce una progressiva diminuzione della sintomatologia dolorosa riducendo i tempi di guarigione relativi alle patologie trattate.

terapisti: Roberto Barbaro

La progressiva diminuzione del dolore è un effetto percepito dal paziente sin dalla prima seduta;
questo processo, attuato attraverso lo scioglimento dei blocchi e delle rigidità a carico delle strutture mio-fasciali, facilita e rende più efficaci le contemporanee e successive fasi riabilitative.

L’attenuazione del dolore permette di esercitare attraverso il manipolo, dello strumento, un massaggio più profondo, ottenendo risultati più ampi e rapidi e allo stesso tempo più stabili.

Inoltre la continua stimolazione energetica creata dalla diatermia , porta ad una riduzione ulteriore dei tempi di applicazione della terapia stessa.

Indicazioni generali sull’utilizzo e sulle modalità applicative

L’uso della diatermia è di facile applicazione ed i livelli energetici del trattamento diatermico possono essere modulati in funzione delle necessità e della risposta del paziente.

L’incremento omogeneo, in profondità, della temperatura generato dall’elettrodo è privo di effetti collaterali e soprattutto non provoca surriscaldamenti della cute. La terapia può quindi essere ripetuta anche più volte nell’arco della stessa giornata, a tutto vantaggio dei tempi di recupero.

Le strutture ed i tessuti vengono trattati attraverso un corredo completo di elettrodi di diverse dimensioni consentendo di applicare la terapia in profondità ed efficacemente su una qualsiasi articolazione del corpo umano quale può essere: il ginocchio, l’anca, la caviglia, la colonna vertebrale, la spalla, il braccio e la mano.

Le correnti di spostamento producono tre tipi di effetti:

Biochimico: Il quale riequilibria il disordine enzimatico degli adipociti e accelera il metabolismo ultrastrutturale delle cellule richiamando sangue ricco di ossigeno, velocizzando il flusso e facilitando il drenaggio linfatico delle aree periferiche non affette dalla cellulite.

Termico: Per l’effetto joule prodotto dalle correnti di spostamento induce una endotermia profonda e omogeneamente diffusa.

Meccanico: Aumentando la velocità di scorrimento dei fluidi drena la stasi emolinfatica, tonifica le pareti vascolari.

Tutti questi tre effetti si rinforzano a vicenda.
L’azione della terapia con diatermia coinvolge quindi tutti i tessuti sia in modo profondo che omogeneo:

Azione profonda: In essa l’energia associata al campo “diatermico” non subisce alcuna dissipazione nel trasferimento al tessuto interessato dal trattamento.

Azione omogenea: L’incremento di temperatura è generato dalle correnti di spostamento la cui intensità è direttamente connessa alla forza di attrazione e/o repulsione esercitata dall’elettrodo attivo che è costante perché determinata a livello del generatore di energia.


Laser Yag

La tecnologia Laser ad Alta Intensità BTL consente la penetrazione nei tessuti profondi per una terapia del dolore senza limiti. La potenza massima è 50 volte superiore rispetto a quella della terapia laser LLLT, ed è idonea a guarire qualsiasi punto dolente nel corpo. L’utilizzo del laser pulsato crea una stimolazione fotomeccanica nel tessuto sottocutaneo che inibisce la sensazione dolorosa e porta un sollievo immediato del dolore, anche cronico. E’ un trattamento veloce ed efficace, privo di effetti collaterali, efficace per un’ampia gamma di indicazioni cliniche che vanno dalle lesioni muscolari e tendinopatie degenerative a disturbi articolari.

Durante la terapia con Laser Yag, la luce laser raggiunge la pelle e crea un’onda fotomeccanica nel tessuto umano. Stimolando meccanicamente le terminazioni nervose libere e gli altri recettori del dolore, si determina un blocco del dolore stesso nel sistema nervoso, apportando sollievo immediato. E’ un valido supporto alla microcircolazione locale e facilita il drenaggio linfatico dell’area patologica.

– dolore alla spalla – sindrome di urto, tendiniti, lesioni della cuffia dei rotatori;
– sindrome cervico brachiale
– epicondilite radiale/ulnare
– borsite
– dolore dorsale – artrosi, ernia del disco, spasmi muscolari
– artirte del ginocchio
– strappo muscolare
– trigger points, spasmi muscolari
– fascite plantare/sperone calcaneare
– distorisione alla caviglia, distorsione tibio tarsale


Onde d’urto

La terapia ad onde d’urto è una nuova tecnica utilizzata per il trattamento di condizioni come il gomito del tennista, il ginocchio del saltatore, calcificazione dei tendini della spalla (dolore alla spalla), il dolore al tendine di Achille e molto altro. Condizioni che sono altrimenti difficili da trattare con la fisioterapia convenzionale.

terapisti: Roberto Barbaro

Durante la terapia con Onde d’urto, un’alta intensità d’onda sonora interagisce con i tessuti del corpo. Questo porta ad una serie di effetti positivi, come la neovascolarizzazione, la guarigione di un infiammazione cronica, la stimolazione del collagene e della dissoluzione di fibroblasti accumulati.

Studi clinici provano un indice di successo superiore al 75%
La terapia ad onde d’urto è un eccellente rapporto costo / efficacia
Non invasiva soluzione per il dolore cronico alla spalla, schiena, tallone, ginocchio o gomito
La terapia con onde d’urto BTL è una nuova tecnologia con comprovati effetti medici
Non richiede anestesia, ne l’assunzione di farmaci
Nessun effetto collaterale
Principali campi di applicazione: ortopedia, riabilitazione e medicina dello sport


Taping

 

Il Kinesiology tape e’ un bendaggio adesivo elastico con effetto terapeutico bio-meccanico.
E’ una tecnica basata sul processo di guarigione naturale del proprio corpo, attraverso l’attivazione dei sistemi circolatori e neurologici.
Ai muscoli non viene attribuito solamente il compito di muovere il corpo, ma anche il controllo della circolazione dei fluidi venosi e linfatici, temperatura corporea.

Indicazioni: trattamento di danni muscolari da sport, trattamento dell’edema e gestione del dolore, infiammazioni e rigidità articolari, affaticamento muscolare, supporto della correzione dell’atteggiamento posturale attraverso la facilitazione o l’inibizione della contrazione muscolare di specifici gruppi muscolari, postumi di traumi.

terapisti: Roberto Barbaro


Plantari

I plantari Formhtotics® sono un vero e proprio strumento terapeutico

Il plantare Formthotics® è realizzato in un materiale unico al mondo brevettato chiamato Formax.

Questo materiale permette al plantare di essere termomodellabile a basse temperature INFINITE VOLTE permettendo al professionista di modificare ed adattarlo alle condizioni cliniche del paziente così come il dosaggio e lo stimolo del trattamento a seconda dell’iter riabilitativo programmato dal professionista.
Sono efficaci per diverse esigenze:
– Risolvere un problema agli arti inferiori partendo dal piede
– Risolvere una fascite plantare o trattare un alluce valgo
– Migliorare il mal di schiena
– Curare una tendinite achillea correggendo la prono-supinazione
– Migliorare il reclutamento della muscolatura dell’anca e dell’arto inferiore.

terapisti: Roberto Barbaro


Terapie a domicilio